Open PNNR
Il tuo accesso personalizzato
al Piano nazionale di ripresa e resilienza
openpolis GSSI
Condividi su
Scadenza

Stipula dei contratti per la realizzazione delle Centrali Operative Territoriali

Data prevista di completamento: 2° trimestre 2023
Da avviare

Descrizione

Stipula dell'obbligazione giuridicamente vincolante. Il punto cruciale di questo intervento è l'entrata in funzione di almeno 600 Centrali operative (una ogni 100.000 abitanti) con la funzione di collegare e coordinare i servizi domiciliare con vari servizi territoriali, sociosanitari e ospedalieri e con la rete di emergenza, al fine di garantire la continuità, l'accessibilità e l'integrazione delle cure.

Ambito: Scadenza italiana
Tipo: Target
Organizzazioni responsabili delle misure :
Meccanismo di verifica: Sottoscrizione del contratto con firma digitale e trasmissione tramite posta certificata dell'atto
Fonte dati metodologia: Stipula dell'obbligazione giuridicamente vincolante
Possibili rischi e criticità: La misura di investimento presenta, tra l'altro, le seguenti tipologie di rischi: - amministrativi: la disomogeneità a livello regionale nell'attuazione dei LEA territoriali, soprattutto nel settore dell'assistenza domiciliare; la frammentarietà e l'inefficacia dell'integrazione sanitaria; la scarsa armonizzazione delle norme esistenti; il numero di enti coinvolti; la difficoltà ad armonizzare la prevalenza del diritto alla salute e del diritto alla protezione dei dati. - organizzativi: scarsa capacità di coinvolgere i diversi stakeholder; insufficiente numero e competenza del personale dedicato all'attività; ampia eterogeneità dal Nord al Sud Italia in termini di modelli organizzativi, con un coinvolgimento estremamente variegato di enti pubblici e privati; inadeguato livello di informatizzazione di alcune aziende sanitarie, sia in ambito amministrativo che assistenziale, con la conseguente impossibilità di rendicontare e analizzare tempestivamente le attività svolte; assenza dell'utilizzo della domotica per l'assistenza domiciliare ai disabili; scarsa formazione professionale per una diffusa implementazione della tecno-assistenza sul territorio; scarsi investimenti in sicurezza informatica e quindi rischio di violazione dei dati sanitari. - finanziari: diversi metodi di rendicontazione dell'assistenza domiciliare tra le Regioni italiane e tra le aziende sanitarie; mancanza di una tariffa standard per tutte le Regioni italiane; difficoltà nell'utilizzo del metodo del budget per l'attuazione dei programmi di assistenza. Al fine di contenere i rischi sopra elencati, la misura di investimento sarà seguita da: - strumenti semplificati per favorire le decisioni contestuali e l'unificazione delle fasi decisionali e preliminari delle procedure, nonché l'individuazione di metodi di finanziamento innovativi per remunerare i servizi rivolti a persone con condizioni croniche e fragili (ad esempio budget di salute). Questi interventi, insieme all'individuazione di misure volte a facilitare il coinvolgimento degli enti locali e degli altri stakeholder coinvolti, consentiranno di superare gli ostacoli amministrativi; - interventi volti a chiarire il quadro normativo di riferimento in materia di assistenza territoriale. Il completamento della missione di riforma, unitamente agli ulteriori investimenti già previsti dal D.L. 34/2020, in coerenza con gli altri interventi previsti in materia di digitalizzazione delle ASL e di rafforzamento della cyber security, consentirà di superare gli ostacoli organizzativi; - una più puntuale analisi delle prestazioni rese nell'assistenza domiciliare, grazie alla graduale attuazione degli interventi previsti dal provvedimento, che consentirà anche di uniformare le modalità di finanziamento dell'assistenza domiciliare. Inoltre, la previsione di rafforzare il coordinamento centrale nella programmazione, erogazione e controllo dei finanziamenti per l'attuazione della misura di investimento consentirà anche, insieme agli interventi formativi, di rafforzare il metodo del budget come strumento di governo dei servizi di assistenza domiciliare. Questi interventi, insieme all'individuazione di nuovi strumenti di finanziamento (ad esempio budget di salute), consentiranno di superare gli ostacoli finanziari.

Misure collegate